KXIP vs KKR Live Score

Questo lo insegnava anche un grande educatore italiano che era un prete: Don Lorenzo Milani. Di recente, in occasione del pellegrinaggio di Papa Francesco a Bozzolo e a Barbiana, per rendere omaggio a don Primo Mazzolari e a don Lorenzo Milani, "i due sacerdoti che oggi ci offrono un messaggio di cui abbiamo tanto bisogno" come li ha definiti il Papa all'Angelus di domenica scorsa, ricordiamo solo l'ultimo in ordine di uscita: "Parole per i timidi e i disobbedienti" del giornalista sportivo Andrea Schiavon (ADD editore) dedicato all'autore di "Lettera a un professoressa" di cui il prossimo 26 giugno ricade il cinquantesimo anniversario della morte. Qui deporrà un cesto di fiori, portato dai ragazzi della parrocchia, e pregherà davanti alla tomba di marmo chiaro, dove il parroco di Bozzolo è ricordato come semplice sacerdote, e su cui è accesa la lampada benedetta da Paolo VI, che di lui disse "camminava avanti con un passo troppo lungo e spesso noi non gli si poteva tener dietro".

Don Primo - ha osservato Francesco - non è stato un parroco clericale ma ha dato "vita ad un vero e proprio magistero", è stato il "parroco d'Italia, la tromba dello Spirito Santo nella Bassa padana". Così la fede si fa più operosa, ma può generare una comunità cristiana elitaria. Si favoriscono interessi e clientele con un'etichetta cattolica. Si tende ad affermare ciò che divide rispetto a quello che unisce. Su Tv2000, in collaborazione con il Centro Televisivo Vaticano, va in onda la diretta da Bozzolo a partire dalle 09.00, con con un discorso commemorativo di Papa Francesco che ricorderà don Primo Mazzolari. "Dalla notizia della visita del Santo Padre in poi è stato un crescendo di gioia: ci sentiamo dei privilegiati e dobbiamo dire grazie a don Primo e a papa Francesco", dice don Gianni Maccalli, parroco di San Pietro apostolo. Don Primo fu richiamato spesso per queste sue idee e viveva l'obbedienza da adulto e da uomo, amando il suo vescovo. Che cosa c'entrano la scuola pubblica e la democrazia con questa faida interna alla Chiesa? Il Papa- concludendo - si rivolge ai sacerdoti, facendo l'esempio di Don Mazzolari, chiedendo loro di "ascoltare il mondo, chi vive e opera in esso, per farvi carico di ogni domanda di senso e di speranza, senza temere di attraversare deserti e zone d'ombra".

Il cardinale ha parlato di Mazzolari come un "profeta, testimone e pastore di anime. La credibilità dell'annuncio passa attraverso la semplicità e la povertà della Chiesa".

La visita di Papa Francesco è organizzata dall'arcidiocesi di Firenze ma don Giuliano ci spiega che l'amministrazione comunale ha fatto un ottimo lavoro per renderla possibile. "Don Primo non faceva proselitismo perchè non è cristiano".

Il Vescovo di Cremona, Mons.

"Oggi sono pellegrino qui a Bozzolo e poi a Barbiana, sulle orme di due parroci - ha detto - che hanno lasciato una traccia luminosa, per quanto "scomoda", nel loro servizio al Signore e al popolo di Dio".


COMMENTI