KXIP vs KKR Live Score

Il lavoro di catalogazione ha portato a identificare due principali tipologie di esopianeti: da una parte ci sono le super Terre, pianeti rocciosi come il nostro e grandi all'incirca una volta e mezza la Terra, dall'altra i mininettuno, pianeti gassosi grandi all'incirca due e volte e mezza il nostro.

Isabella Pagano, astrofisico dell'Osservatorio di Catania, commenta gli ultimi dati della Nasa: "Ho letto la press release, è quello che mi appare più importante èil fatto che hanno rianalizzato tutti i dati di Kepler (anche quelli vecchi) rendendo più solide le conclusioni". Secondo la NASA, i pianeti della dimensione della terra sono particolarmente interessanti perché possono far comprendere come si è formata la Terra e perché c'è una piccola possibilità che possano portare la vita. La scoperta arriva grazie al telescopio Kepler che finora ha permesso di scoprire più di 4.000 esopianeti. IL SUMMIT All'incontro, che si terrà presso il centro di ricerca Ames della NASA nella California della Silicon Valley, parteciperanno Mario Perez (ricercatore Nasa a Washington del programma Kepler); Susan Thompson (ricercatrice Nasa presso il SETI Institute di Mountain View in California); Benjamin Fulton (ricercatore presso le Università delle Hawaii a Manoa e al Caltech, California Institute of Technology a Pasadena) e Courtney Dressing (collega di Carl Sagan).

Il telescopio Kepler è stato lanciato nel 2009: da allora ha analizzato una lunga serie di pianeti, corpi celesti di diverse dimesioni e condizioni. Facciamo un po' di ipotesi visto che dagli Usa, come sempre in queste occasioni, bocche estremamente cucite.

Ovvero ad una distanza tale da permettere che sulla superficie dei pianeti in questione si accumuli acqua allo stato liquido, anziché essere perennemente congelata, oppure allo stato gassoso. Grazie a Kepler è ora possibile affermare che la nostra galassia è ricca di pianeti, con caratteristiche e dimensioni che variano molto a seconda della loro distanza dalle stelle intorno a cui orbitano. SI ATTENDE IL TELESCOPIO SPAZIALE JAMES WEBB Ma per una più accurata ricerca e per avere risposte certe, riferite ad una eventuale presenza di atmosfera, servono strumenti più potenti di quelli in dotazione di Kepler. Con questo ottavo catalogo della sua missione, il numero di potenziali mondi alieni sale a 4.034: di questi 2.335 sono stati verificati come pianeti, e più di 30 sono grandi quanto la Terra e in fascia abitabile.


COMMENTI