KXIP vs KKR Live Score

Proprio durante il primo tempo della partita della Nazionale Under 21 italiana, Donnarumma è stato preso di mira: inizialmente è stato affisso alle sue spalle uno striscione con la scritta "Dollarumma", un chiaro riferimento alla voglia del calciatore di cercare un contratto meglio remunerato rispetto a quello del Milan.

"Crediamo possa ancora esserci la possibilità di rifarsi" per Gianluigi Donnarumma "ma è ormai legata all'estromissione dai suoi affari di chi lo ha spinto a farsi del male, rovinandogli l'immagine".

Ci appare strano che un così bravo agente sia stato in grado di non fare l'interesse del suo assistito. "Raiola ha lasciato qualche piccolo spiraglio, saremmo felici se Donnarumma ci ripensasse". Sono arrivate addirittura minacce di morte alla sua famiglia, è incredibile. Il giovane ha così rotto il sogno dei tifosi del Milan che, alla prima occasione utile, hanno dimostrato ciò che pensano della sua scelta. Non abbiamo bisogno dell'elemosina di qualcuno che ci porta 20 milioni, Donnarumma vale molto di più. "Ovviamente, quando si riaggregherà alla squadra, parleremo anche col giocatore".

Ci appare strano sentir pronunciare parole come "clima ostile", "forzature" e "minacce" che traslati economicamente hanno un valore di 25mln in 5 anni fascia di capitano e circa 6 mesi di riflessioni per poi arrivare a giugno e dire che gli hanno messo fretta.

Matteo Marani, intervenuto a SkySport24, ha commentato così il caso Donnarumma: "Il Milan esce vincente da questa vicenda. Bastava che ci dicesse che non voleva restare: avremmo rinnovato con una clausola rescissoria ragionevole". L'unico problema che non c'era era di soldi, perchè non ne abbiamo parlato.

L'amministratore delegato del Milan, Marco Fassone, ha rilasciato un'ampia intervista ai taccuini del Corriere della Sera, alla luce delle ultime dichiarazioni dell'agente di Donnarumma, Mino Raiola.


COMMENTI