KXIP vs KKR Live Score

Questa mattina all'alba i Carabinieri dei nuclei investigativi di Palermo e Trapani hanno dato esecuzione ad un provvedimento cautelare emesso dal GIP del Tribunale di Palermo, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Il sottosegretario alle Infrastrutture Simona Vicari (Ap) è indagata per corruzione nell'ambito dell'indagine che a Trapani ha portato all'arresto, tra gli altri, dell'armatore Ettore Morace.

"CONTRIBUTI GONFIATI. L'inchiesta ha preso il via dal riscontro di gravi irregolarita' circa l'affidamento, proprio a favore della Liberty Lines, dei servizi di collegamento a mezzo unita' veloci per le isole Egadi ed Eolie. accertato un sovradimensionamento della compensazione finanziaria, ottenuto attraverso "l'indebita ingerenza" di Salvatrice Severino, gia' dirigente del Servizio 2 trasporto regionale aereo e marittimo dell'assessorato alle Infrastrutture, nonche' del deputato Fazio", secondo i magistrati "stabilmente asservito a Morace".

I regali del resto sarebbero stati un'abitudine dell'armatore. La famiglia Morace è da sempre vicina a Fazio. Soprattutto, affermano i Pm, Morace "gode del forte appoggio del sottosegretario Simona Vicari (il cui fratello e' anche dipendente della Liberty Lines)".

Per quanto riguarda la posizione della Vicari, in cambio di un Rolex donatole da Morace, avrebbe agevolato un emendamento che riduceva l'IVA sui trasporti marittimi, dal 10 al 4%, cosa che avrebbe fatto risparmiare ai Morace vari milioni di euro e causato un ammanco da 7 milioni nelle casse dello Stato. Avrebbe ottenuto da Morace, tramite l'intercessione di Montalto, una liquidazione superiore a quello che le spettava dopo la fine del rapporto con "Siremar s.p.a.", società acquistata dall'armatore. Morace si e' pure attivato per ottenere un intervento presso il Consiglio di giustizia amministrativa al fine di ottenere il ribaltamento della sentenza del Tar Sicilia del 21 febbraio, dispositivo con il quale era stato rigettato il ricorso presentato dalla Liberty Lines contro l'annullamento in autotutela della gara d'appalto per i trasporti su navi veloci per il 2016.

Attraverso tale attività illecita, gli armatori Morace riuscivano ad incamerare importanti informazioni che confermavano i loro sospetti.

In 10 mesi l'inchiesta si è conclusa. Il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi ha sottolineato la rapidità con cui anche l'ufficio dei gip si è mosso e la novità di due comandi provinciali dell'Arma, Palermo e Trapani, che hanno lavorato insieme.


COMMENTI