KXIP vs KKR Live Score

Roma, 19 mag. (askanews) - La procura di Svezia ha annunciato di aver abbandonato le accuse di stupro contro il fondatore di WikiLeaks Julian Assange. Dopo sette anni, il procuratore svedese, Marianne Ny, ha deciso di chiudere l'indagine e, in una nota pubblicata sul sito della procura, ha affermato che fornirà "ulteriori dettagli in una conferenza stampa annunciata per le ore 12 svedesi". Tali accuse sono le uniche formalmente aperte finora contro Assange e una volta cadute dovrebbe cadere pure il mandato di cattura internazionale che lo costringe dal 2012 nel rifugio dell'ambasciata dell'Ecuador a Londra. La decisione arriva alla vigilia dell'udienza del tribunale che dovrà decidere sul mandato di cattura internazionale emesso, in passato, dalla Svezia. Scotland Yard riconosce che queste accuse sono "molto meno gravi" dello stupro, e richiedono una "risposta proporzionata". Nel 2010 Assange fu accusato di stupro da due donne che avevano ritrattato e poi riconfermato: la procura emise un mandato d'arresto che molti hanno ritenuto fosse strumentale alla sua estradizione verso gli Stati Uniti, che non hanno mai dimenticato la pubblicazione dei cablo diplomatici di decine di ambasciate a stelle e strisce nel mondo. E i procuratori svedesi hanno ora abrogato il mandato di arresto. Se Assange rimettesse piede in Svezia prima dei termini di prescrizione del reato, cioè entro il 2020, il processo si potrebbe riaprire. Lui e i suoi legali hanno fatto riferimento spesso alle pesanti condanne a cui potrebbe andare incontro negli Stati Uniti e persino alla pena di morte, sebbene la Corte europea per i diritti umani impedisca l'estradizione nei Paesi che applicano la pena di morte. Dopo la diffusione della notizia, sul suo profilo Twitter di Assange è stata pubblicata una foto che ritrae il fondatore di Wikileaks sorridente.

Le autorità e l'intelligence americana a loro volta non negano di considerare Julian Assange alla stregua di un nemico per aver diffuso attraverso Wikileaks documenti segreti e rivelazioni imbarazzanti su Washington. Wikileaks su Twitter commenta: "La questione si sposta adesso sulla Gran Bretagna".

Assange avrebbe voluto partecipare al processo svedese dall'Inghilterra: si presentò spontaneamente a Scotland Yard per farsi interrogare.


COMMENTI