KXIP vs KKR Live Score

Al termine dell'udienza generale a piazza San Pietro, Papa Francesco si è lasciato andare a un commento su una situazione particolare che riguarda proprio le udienze.

"È per questo che la Sacra Scrittura ci mette in guardia contro le false speranze che il mondo ci presenta, smascherando la loro inutilità e mostrandone l'insensatezza - ha spiegato Francesco - E lo fa in vari modi, ma soprattutto denunciando la falsità degli idoli in cui l'uomo è continuamente tentato di riporre la sua fiducia, facendone l'oggetto della sua speranza". Se qualcuno vi dice che per andare in udienza dal Papa c'è bisogno di pagare qualcosa, ti stanno truffando. "E allora siamo tentati di cercare consolazioni anche effimere, che sembrano riempire il vuoto della solitudine e lenire la fatica del credere". A volte le cerchiamo in un dio che possa piegarsi alle nostre richieste e magicamente intervenire per cambiare la realtà e renderla come noi la vogliamo; un idolo, appunto, che in quanto tale non può fare nulla, impotente e menzognero. "Questo è gratis", ha concluso il Papa: "Qui si viene senza pagare perché questa è la casa di tutti".

Per spiegare l'attaccamento agli idoli e alle false speranze, papa Francesco ha raccontato un episodio circa i veggenti, cui ha assistito a Buenos Aires, e ha ricordato il film Miracolo a Milano: "che faccia, che naso, che bello, e cento lire, e ti fa pagare per avere la falsa speranza". "Questo non si fa!".

E non è mancato l'ammonimento agli stessi uomini di Chiesa.


COMMENTI